“Derive” Street Portraits… Senza Photoshop si può !

Ho accettato davvero di buon grado l’ invito degli amici di  “Fabricamenti” a partecipare all’ iniziativa “Derive/Percezioni Urbane”.

Ho pensato di mettere a disposizione dei partecipanti a questa nuova esperienza il mio sapere di fotografia, allestendo un piccolo set dove mi sono dedicato, direi per la prima volta, al genere Steet Portrait Photography.

Ritengo di avere oramai una certa esperienza nel settore del ritratto, ma per strada è un’ altra cosa: non sono le persone a venire nel tuo studio per farsi fare un ritratto, magari con aspettative già ben chiare in testa, ma sei tu a chiedere ad un passante la cortesia di farsi ritrarre…ed è ben diverso.

In un mondo governato dall’apparenza e dal desiderio di apparire come si vuole apparire, nell’ era dei selfies in cui si sfugge dal reale per viaggiare nel virtuale, ha ancora senso parlare di ritratto ?

Ed è stata questa la sfida, restituire un’ immagine vera, reale, anche se pur sempre una interpretazione della realtà vista dal fotografo, del soggetto in posa.

Ho scelto quindi di non guidare il soggetto durante la fase dello scatto, cosa che di regola faccio minuziosamente, lasciadogli la massima libertà di espressione…in soli 30 secondi di relazione.

Una fotocamera, una mirrorless Fujifilm, un 50 mm, il cosiddetto “normale”, un fondo nero e la luce naturale dell’ ombra di un loggiato del centro di Fabriano e naturalmete il fedele esposimetro.

Pochi fronzoli insomma, e due soli click…dico due giusto per evitare errori di fuoco dovuti alla scelta prioritaria di un fuoco molto selettivo, quello di un diaframma mai più chiuso di f 2.

Ma anche un po’ di tecnologia, quella del wi-fi indispensabile per trasferire immediatamente le immagini all’ iPad dove la mia assistente applicava in Lightroom lo stesso preset precedentemente salvato a tutte le immagini, una per ogni soggetto fotografato, per poi pubblicarle su instagram con gli hastag dell’ evento, giusto un minuto dopo lo scatto…proprio cosi’, senza passare per Photoshop !

…e cosa fondamentale, senza mostrare nel monitor l’ immagine alla persona ritratta, probabilmete già assuefatta a vedersi nello schermo del proprio smartphone.

Non so se questi ritratti restituiscano o meno la vera personalità di chi si è prestato a questo gioco, ma posso dire senz’ altro che rappresentano la mia interpretazione fotografica di chi ha voltuto mettere la propria faccia davanti all’ obiettivo di uno sconosciuto, mettendosi in gioco, spesso con ironia, probabilmente consapevole di un risultato quantomeno “a sorpresa”.

Un po’ come guardarsi allo specchio, ma non come la regina Grimilde, che vuole essere la più bella del reame, ma per accettarsi così, semplicemente come siamo, noi stessi !

1612_IMG_0155 1612_IMG_0158 1612_IMG_0160 1612_IMG_0162 1612_IMG_0164 1612_IMG_0166 1612_IMG_0168 1612_IMG_0169 1612_IMG_0170 1612_IMG_0174 1612_IMG_0177 1612_IMG_0179 1612_IMG_0183 1612_IMG_0187 1612_IMG_0188 1612_IMG_0192 1612_IMG_0194 1612_IMG_0198 1612_IMG_0199 1612_IMG_0202

 

About the Author:

Related Posts

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *